L’arte di vivere

Il filosofo Wilhelm Schmid consiglia:

communion-cover

Di tanto in tanto fermarsi ad osservarsi dall’esterno, come da uno shuttle, come insegnavano gli antichi filosofi;

Mettere in ordine la propria vita. Ma anche quando questo ordine è stato conseguito, lottare con gli inevitabili fastidi che ne fanno parte. Ovviamente ci sono fastidi importanti che non possono essere dominati, e fastidi minimi che non devono dominarci. L’irritazione che ci assale quando le nostre abitudini vengono spezzate deve essere gestita come apertura all’imprevisto, inteso come serendipity. Bisogna ampliare gli orizzonti delle nostre possibilità .

La noia è un bene, perchè è fonte di ispirazione inesauribile. Apre un vuoto in cui pensare pensieri mai pensati, fare incontri fortuiti, immagini nuove. Basta che il vuoto sia effettivamente tale e non riempito nevroticamente. Sopportare la noia solo per un po’ significa farla diventare l’ozio dei filosofi, un ozio creativo che permette la riflessione, la vera radice dell’arte di vivere.

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Unisciti ad altri 364 follower

liebster award
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: