Feed your week

3e860e4f5d9c02350c75a750ce73bc88 1bbad32ba4acf5708b9f6f18629c440e d664d61560ec8a2b7729db7fd31b6705 3b33489db2eccd4d03f6fa2d3494eb71 452193430fcd8116074ad5ad5445b718

Annunci

Pillola#133 – Tiziano Terzani

Rilancio il bel post di FoolsJournals con le parole di Gipi, un disegnatore e un autore per me eccezionale:
“Ogni mattina mi faccio del male. Mi considero immortale.
Così, partendo da questa considerazione, perdo tempo.
Se un giorno il Signore volesse farmi il più bel regalo del mondo, dovrebbe darmi la coscienza piena della mia mortalità.
Vorrei che mi desse un nuovo senso, un settimo, quasi di serpente, che frammenti lo scorrere del tempo in schegge appuntitissime, che mi si sfiorino nel corpo con il sangue, e che mi tengano all’erta di continuo, al ritmo di un “io sono il tempo che passa e non tornerò. Quindi regolati, non gettare via le ore e le giornate. Fai le cose più belle. Costruisciti.”.
Ma questo non succede.
Mi sveglio convinto di essere immortale e (se non devo urgentemente lavorare) mi metto a perdere mattine intere.

Fools Journal

Tiziano Terzani

“Ci sono giorni nella vita in cui non succede niente, giorni che passano senza nulla da ricordare, senza lasciare una traccia, quasi non si fossero vissuti. A pensarci bene, i più sono giorni così, e solo quando il numero di quelli che ci restano si fa chiaramente più limitato, capita di chiedersi come sia stato possibile lasciarne passare, distrattamente, tantissimi. Ma siamo fatti così: solo dopo si apprezza il prima e solo quando qualcosa è nel passato ci si rende meglio conto di come sarebbe averlo nel presente. Ma non c’è più.” – Tiziano Terzani (da Lettere Contro La Guerra)

View original post

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 366 follower

liebster award
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: