Le righe sulle vite degli altri

Ho notato che in questo periodo leggo moltissimo e scrivo poco.

Non so, è come se volessi cercare nelle vite degli altri che scorrono sulle pagine dei libri, il segreto per sbrogliare le matasse, tutte le matasse, da quelle più semplici a quelle intricate, che ti verrebbe voglia di buttare via.

Leggendo si scovano delle pepite di riflessione, ecco quelle che ho trovato di recente:

Un conto è aspettare l’onda, un conto è alzarsi sulla tavola quando arriva.

I messaggini ti danno l’illusione di poter disporre del tempo necessario a fare la tua mossa prevedendo la reazione che susciterai, e invece non è vero. in quei frangenti ti senti tutto strategico, ma sei semplicemente impulsivo in un altro modo.

Non accontentatevi della felicità, aspirate alla serenità.

Questa bella favola del filosofo Ermanno Bencivenga http://eiochemipensavo.diludovico.it/2007/05/09/cero-una-volta-io/

 

Annunci

Informazioni su Missandry

Vorrei vivere a metà tra un romanzo di Ellroy e Mad Men, uscire con Mick Jagger e teletrasportarmi tra New York e Parigi. E visto che ho 30 anni, reggere benissimo svariati martini dry.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: