è la vita, bellezza

A conclusione del bellissimo libro di Philp Roth “Indignazione”, c’è questa grande insegnamento da ricordare:

“Il terribile incomprensibile modo in cui le scelte più accidentali, più banali, addirittura più comiche , producono gli esiti più sproporzionati”.

Frase che fa eco al testo della canzone degli Strokes “I’ll try anything once”, era il motivo di “Somewhere” ultimo film di Sofia Coppola, per gli smemorati 

L’incipit non dà scampo: “Ten decisions shape your life, you’ll be aware of 5 above..”

Smoke in the eyes

Damn, non so se capiti anche a voi come a me, se quando il pacchetto di sigarette non basterà fino a sera, evitate di comprarlo perchè vi illudete che sarete più forti del vostro desiderio, della vostra addiction…e invece no. Oggi volevo fare la splendida con la mia coscienza  e i mie polmoni e ho deciso di snobbare il vuoto dilagante che c’era in quel pacchettino familiare ma scomodo che mi porto in borsa e ho fatto male.

Se non fosse proprio da tossici, scenderei giù alla macchinetta del tabacchi a prenderle queste inutili ma confortevoli sigarette.

Il problema è questo, l’assenza alimenta il desiderio e lo amplifica. Non c’entra la nicotina, c’entra l’abitudine e  c’entra proprio il senso di impotenza di fronte a una voglia che non puoi soddisfare. Eh sì, l’assenza di una sigaretta a tarda ora, ti fa ricordare che dopotutto siamo degli esseri limitati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: